News

Home/News

INSEGNAMI AD INSEGNARE

Insegnami ad Insegnare Insegnami ad Insegnare Insegnami ad Insegnare: un progetto pionieristico che, in ossequio al “credo” di alcuni “sportivi” fortemente motivati dalla passione per la subacquea, ambisce a dare vita all’obiettivo di accompagnare tutte le persone affette da sordità o da sordomutismo verso ed all’interno del “meraviglioso mondo sommerso , il Mare” , con l’intento di far conoscere i suoi abitanti ed il suo ciclo vitale, fonte di insegnamento per tutti noi. Mi chiamo Antonio Finotti e sono il Presidente della A.S.D. SCUBA360, società subacquea di Torino, affiliata alla A.C.D.C.I., che si presenta quale scuola pilota del progetto “Insegnami ad Insegnare “ nell’ambito del territorio cittadino. Inoltre, il sottoscritto è il coordinatore per la realizzazione di questo progetto nei confronti delle società subacquee nazionali, affiliate alla A.C.D.C.I. , che intenderanno inserirlo all’interno della propria didattica. Al fine di reperire ogni indicazione specifica in merito alla Associazione ed ai suoi interventi, si fornisce il seguente indirizzo:https://www.cmasdivingcenter.org A.C.D.C.I. ( Associazione Cmas Diving Center Italia” ITAF 07 ) Insegnami ad Insegnare… una bella “avventura umana e sportiva” … Le motivazioni ed il cammino di questa idea… Era una domenica dell’estate 2012 e stavo accompagnando un gruppo di “allievi” ad un diving per effettuare un’ immersione di corso nella zona marina di Portofino. Mentre mi accingevo a preparare la mia attrezzatura, una famiglia composta da mamma, papà ed un ragazzo si avvicinò a me… La mamma mi chiese se era possibile far fare una “prova di immersione” a suo figlio quattordicenne…Sorpreso e colpito da quella inaspettata richiesta, e dopo qualche attimo di “silenziosa e gestuale” conversazione tra la mamma ed il figlio, mi resi conto che il ragazzo era affetto da sordità. Superato il momento di stupore, mi rivolsi alla mamma e le spiegai l’impossibilità di accogliere il suo desiderio di far provare a “volare” il figlio sott’acqua…Nel salutare la mamma, incrociai gli occhi del ragazzo e provai un immenso dispiacere… Dal giorno seguente ho iniziato ad approfondire l’argomento, determinato a portarlo a conoscenza di soggetti e realtà che avrebbero potuto coglierne l’interesse e la fattibilità… La strada intrapresa, col tempo, si è rivelata ardua, poche le persone incontrate alle fermate in cui ho sostato, scarsa l’accoglienza e l’attenzione al progetto… Nelle fermate in cui ho fatto “tappa” ho incontrato una variegata umanità, anche il Rettore di un importante Istituto all’avanguardia negli interventi in favore dei sordi, che, dopo una convocazione in cui espresse il suo interesse e l’approvazione per l’iniziativa nonché l’intenzione di dar voce a questo progetto, non ha più preso contatti… Potrei narrarvi altri esempi, ma scelgo di fare una sosta, per riprendere il cammino verso la prossima fermata… CON VOI. — Gianni Marchesini INVITO ALLA RISERVATEZZA. Questo messaggio è destinato esclusivamente a coloro ai quali è indirizzato e può contenere informazioni riservate. Qualora lo abbiate ricevuto per errore, nello scusarci per l'accaduto, Vi ricordiamo che ne è proibita la copia, la divulgazione e la distribuzione nonché l'utilizzo, in qualsiasi modo, dei dati in esso contenuti. Vi preghiamo inoltre di avvertirci cortesemente g.marchesini@acdci.org e distruggere il presente documento. Quanto precede ai fini del "Regolamento Europeo sulla Privacy 2016/679"

Di |2021-04-15T18:50:34+02:0015 Aprile 2021|Community, Info ACDCI, News|Commenti disabilitati su INSEGNAMI AD INSEGNARE
Torna in cima